Image and video hosting by TinyPic


...Sono una bambina capricciosa e sognatrice,
una ragazza complicata e lunatica,
una donna che sta' nascendo e si fa forza per affrontare il peso della vita.


mercoledì 11 marzo 2015

Amarsi, amare ed essere amati.



Non ho amato nessuno in 22 anni. Mai.
Mai provata quella sensazione di follia che molti raccontano come un dolce ricordo, come un vortice di emozioni esplosive, come una camminata tra le nuvole in mezzo al cielo limpido...

Mai avuto questa fortuna. Forse neanche si può parlare di fortuna, ma semplicemente di destino. ...Possibile che non sia destinata ad amare? A farmi amare? 
Certe volte ho la sensazione che sia davvero così. Altre invece no.
Penso spesso che il mio carattere è troppo complicato per poter essere apprezzato. La mia persona troppo solitaria, negativa, imbarazzata per potersi gettare lievemente nelle braccia altrui.

Le altre volte ritenere che sia "colpa del destino" la vedo solo come una stupida giustificazione per me stessa, cercando di incolparmi il meno possibile, ritenendo che non potevo (e non posso) fare nulla per cambiare.
Sono quasi sicura che amare sia da coraggiosi. 
Rischiare i propri sentimenti, gettarsi verso chi ci sta di fronte ad occhi chiusi, sono azioni compiute da coloro che hanno un grande coraggio.
Il coraggio di mettersi in gioco, vivendo davvero a 360 gradi.

Io non sono coraggiosa. 
Io preferisco rimanere ferma, stazionaria in una certa postazione, rigida, con l' idea di essere sempre al sicuro.

Non ho la più pallida idea di come si possa sganciare tutte quelle maledette rigidità, quei freni inibitori mentali, e ciecamente affidarsi ad un altro essere umano. 

Perché quelle pochissime volte in cui ho cercato di "alleggerirmi" ho preso delle mazzate. Non forti, in fondo non avevo investito granchè, soltanto una piccolissima parte di me, per cui dopo mi sono semplicemente guardata avanti, nonostante gli occhi languidi e la voglia di piangere.
Ho sempre cercato di fare la figura della "dura, forte, quella non ha bisogno di nessuno", convincendo gli altri e me stessa di ciò, una facile giustificazione alla mia solitudine, alle occasioni perse, a quei treni passati a folle velocità, mentre io rimanevo lì a guardare... impassibile, o addirittura indietreggiavo dalla paura.

La paura dell'ignoto, di lanciarsi in qualcosa che non saprai mai come andrà, di dare fiducia a qualcun' altro, di aprirsi completamente verso di esso.

Ecco ciò che mi ha fregato tanto e che lo sta facendo ancora, sempre più forte, prendendo le vie dell'abitudine, della rassegnazione.

Guardando gli altri noto quante storie siano riusciti a creare negli anni, nella loro adolescenza, nella gioventù. Alcune brevi, false, sbagliate, stupide, portatrici di dolore, altre meravigliosamente belle, piene, interminabili, che hanno regalato grandi cambiamenti interiori ed esteriori nella vita di ognuno.

Tutti sono cambiati, hanno ottenuto un loro bagaglio di esperienze, una vita nuova, realizzato alcuni sogni, viaggiato con la testa e con il cuore....

E io? 
Io sono stata tutto il tempo li ferma, dinanzi ad un ponte di legno posto  sopra ad un fiume, senza mai passarlo... Già convinta di cosa potesse esserci oltre: solo dolore, delusione.
Nei momenti di curiosità ho fatto un passetto in avanti, con tanta fatica e con un tremolio alle gambe esagerato, per poi, alla prima ventata, tornare indietro, persino ancor più indietro di dove ero partita, semplicemente per paura, per convinzione di non essere portata a tutto questo.

Andando a ritroso negli anni con la mente scorgo una serie di possibilità gettate al vento, disseminate nell'aria, lasciate agli altri per molteplici motivi...
"Troppo brutto, troppo sfigato, drogato, troppo grande, già corteggiato da molte altre, estremamente noioso, troppo possessivo, troppo serio, insensibile, non mi guarda nemmeno, troppo modaiolo, troppo sdolcinato..."
Verità e scuse che mi sono data per giustificare il mio "ritiro", il mio non provare a costruire qualcosa, ma piuttosto rimanere fissa nella posizione stabile, senza nessun ulteriore impegno, senza altri logorii mentali e senza dover parlare, esprimendo troppe confessioni indiscrete...
Ho sempre chiuso tutto in poco tempo, certe volte manco ho aperto la possibilità che mi era stata messa lì... Accanto. 

Ecco che riflettendo bene mi rendo conto che non ho mai amato nessuno poiché non ho mai provato ad amare. 
E che È anche normale non essere amati da qualcuno, sopratutto se io stessa non riesco a volermi bene, a coccolarmi, ad accettarmi veramente, concentrandomi solo sui milioni di difetti.

Forse l' unico che mi ha davvero voluto bene (non so se è davvero Amore, dato che non conosco il sentimento) è un ragazzo che ad oggi considero un grande amico.
Un amico da ben 6 anni, incontrato per caso un giorno estivo, al mare, con "amici di amiche", un ragazzo più grande di me di parecchi anni, con il quale fin da subito ho riso, scherzato a più non posso. Uno con cui mi sono confidata più avanti e che c è sempre stato nel momento del bisogno, per abbracciarmi mentre piangevo, per venirmi a trovare in ospedale, per portarmi a cena nei luoghi da sogno... pagando lui il conto salato per farmi vivere "da principessa una sera" , lui che si è sempre preoccupato di me, dandomi mille attenzioni, non vedendo l' ora di passare il tempo assieme, isolandosi dagli altri quando stavamo insieme..
Colui che mi ha regalato mazzi di fiori, di rose blu per farmi sorridere... Che mi ha sempre tirato su di morale, cercando di farmi convincere di quanto sia splendida, contrariamente a ciò che penso... 

Mi ricordo bene quel giorno, un anno dopo esserci conosciuti, quando mi chiese di uscire perché interessato a me.. (Si era capito tutti...) ed io, ragazzina di 17 anni, senza pensarci troppo gli risposi banalmente che lo reputavo solo un amico, ridendo con le altre della 'conquista"... Non fui carina, anzi fui proprio stronza, come lo sono ancora. 
Non mi resi conto del suo reale interesse, tant è che quando ci rivedemmo, stando soli, lui era silenzioso, scontroso ed io non ci pensavo nemmeno al suo precedente invito....
Poi tutto si stabilizzò in amicizia... Piano piano le attenzioni diminuirono, anche se lui è stato sempre sincero e terribilmente attrato da me (come si fa?!? Cosa c è in me di bello? Niente!!!!) 
Ancora oggi mi sento dire che ha smesso di provarci solo perché mi vuole talmente tanto bene da rispettare la mia scelta, i miei sentimenti....

Avrei voluto essere diversa. Avrei voluto non gettare una grande occasione così al vento, una splendida possibilità per poter essere felice, per sentirmi davvero amata e desiderata...  e per poter ricambiare tutto il bene che lui mi ha regalato senza la pretesa di riaverlo indietro...

Mi dispiace un sacco non aver avuto nè il coraggio, nè il reale interesse di gettarmi in una avventura. Mi dispiace non averci neanche provato, non essermi posta in bilico per vedere come sarebbe andata a finire.... Sono rimasta ferma nelle mie solite convinzioni, è troppo bravo, troppo serio, troppo grande, troppo possessivo..." Tutto Troppo per me..." 
Ed aver pensato inoltre di essere giudicata male dagli altri, come quella che lo avrebbe usato solo per un po.......

Avrei voluto dargli di più... Perché trovo estremamente ingiusto, triste non essere ricambiati a livello affettivo allo stesso modo...
Me lo sento addosso come un dovere morale che non sono riuscita a rispettare, a mettere in atto. 



Ed ecco che il sentirsi in colpa prende il sopravvento.....


Ps. Scusate la mia assenza, ma sono fortunatamente impegnata fra corso, lavoro, visite, che riesco a leggervi poco e a scrivere ancora meno... Sono riuscita a dedicarmi anche un pochino a me stessa, andando dal parrucchiere a farmi lo shatush... Una coccola che mi sono data, dopo mesi di totale trasandatezza a causa del basso livello di umore! 

Vi ringrazio per le visite e i commenti sul mio spazio. Sono contenta davvero.

Un bacio a tutti, Ilaria.

30 commenti:

  1. Non esserti mai innamorata non ti rende a priori più o meno coraggiosa di nessuno. E se non eri interessata, è inutile rimpiangere un'occasione deliberatamente rifiutata tanti anni fa... non era il momento giusto evidentemente. Piuttosto, perché non fai quel salto nel vuoto ora, visto che lui manifesta ancora interesse per te (pur rispettando la tua antica scelta)? È davvero lui che vuoi, o l'amore in generale?
    È triste, ma non ingiusto, non ricambiare nella stessa intensità i sentimenti degli altri. L'amore non è dovuto, né tantomeno deliberato.
    Tu sei stata onesta, non hai nulla da recriminarti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Le tue parole sono pura verità è una spinta a riflettere più lucidamente.Grazie ancora Curvula.
      Un bacio.

      Elimina
  2. Mi ritrovo molto in tutto quello che hai scritto.. alla tua età stavo proprio come te ora e pensavo sarei rimasta rinchiusa in me stessa per sempre.
    Ma tranquilla se ce l'ho fatta io (che ero un caso disperato XD) ad aprirmi e fidarmi di una persona, cè speranza per tutti. Non è stato semplice, anzi.. La storia sarebbe troppo lunga da raccontare, ma riassumendo l'errore più grande che facevo, e che purtroppo è talmente radicato in me che ancora ci casco, è il pensiero che in me non ci sia niente di bello.. pensavo di fare un piacere alle persone allontanandole da me, risparmiandole il tempo di conoscere una persona che non vale la pena, poco interessante, complessata ecc..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sii. Hai capito bene il mio disagio, la mia insicurezza interiore, l' idea di non essere adatta a nessuno, una che non si merita di essere amata.

      Grazie mille per le tue parole.

      Elimina
  3. Ilaria dolce tu non sei affatto inadeguata all'amore..semplicemente non è ancora arrivato il tempo giusto e arriverà quando meno te lo aspetterai.
    Senza questioni di coraggio, debolezza, rimpianti..ti sentirai le farfalline nello stomaco e questo sarà il primo segnale della resa!
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicura Nella? Sicura che avverrà?
      Perché così tardi allora? Mi sento troppo indietro rispetto al mondo intorno a me... Non so....

      Grazie come sempre della tua gentilezza e dell' incoraggiamento.
      Un abbraccio cara,

      Elimina
  4. E' normale aver paura di innamorarsi. Chi dice che non ce l'ha mente.
    Non è facile mettersi in gioco, mettere in gioco i nostri sentimenti. La paura di star male ce l'abbiamo tutti. La paura di non essere all'altezza, di non meritarci la felicità. Ma è un pò come andare in bicicletta: si cade tante volte, si perde l'equilibrio, ma una volta imparato il meccanismo non si cade quasi più.
    Tutti noi meritiamo l'amore. Tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti.. Compresa io? Sicura..?
      Me lo devo ficcare in testa........ Ci provo...!
      Grazie Miaa. Un abbraccio. Fatti forza pure tu.

      Elimina
  5. Penso che tu abbia ragione quando dici che ci vuole coraggio per fidarsi di una persona, per consegnare il proprio cuore messo a nudo ad uno sconosciuto e permettergli di giocarci, ed anche di spezzarlo.
    Decidere di innamorarsi è un po' come uscire in mare aperto, ma capita di trovare un porto sicuro, dove le onde ti sferzano di meno e puoi riposare in pace. Mostrare le proprie debolezze non è facile, ma se lo fai con la persona giusta poi puoi permetterti di abbassare le difese ed è estremamente riposante.
    Non negarti l'amore a priori, ma non accettare l'amore di qualcuno che non ti convince pienamente solo perché spinta dai sensi di colpa. Dai tempo al tempo e sii fiduciosa!
    un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tempo, la pazienza di aspettare, senza ansie, senza disperazione, senza malinconia... Difficile. Estremamente complicato per me.
      Grazie mille per ogni tua parola Euridice.
      Ci provo....!
      Un bacione!!

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È coraggioso anche non rifugiarsi in storie senza futuro pur di non stare da sola! È coraggioso essere ben consapevoli di ciò che si è e dei propri difetti!
      Non è vero che non sei destinata ad amare, probabilmente ancora non l'hai incontrato! Allo stesso tempo non averne paura perché è bellissimo buttarsi nelle braccia di qualcuno sentendosi amate e protette!
      Non essere troppo severa con te stessa, non te lo meriti!!!
      un abbraccio grande!

      Elimina
    2. Grazie carissima.si è verissimo quando dici che è da coraggioso non rifugiarsi in storie senza futuro pur di non stare da sola.
      Molti non lo farebbe. Io sì.
      Un abbraccio.

      Ps, come lo merito io di essere amata.., lo meriti anche tu!

      Elimina
  7. Semplicemente avanza lungo quel ponte e non farti inutili problemi. Vai verso il tuo destino. Cambia i tuoi occhi e cambierai il tuo cuore !!!
    AUGURI per le visite !
    Io tifo per te.
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ti ringrazio immensamente per il tuo tifo!!!! Ci provo Paolo.
      Un bacio.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Come ti capisco... Anch'io ho una tremenda paura di buttarmi e di fidarmi di qualcun altro, sono sempre stata dell'idea di non meritare l'amore di nessuno e proprio come te penso che non ci sia niente di bello in me... Ho desiderato voler sparire anche per questo...
    Mi rivedo tantissimo nelle tue parole, quando mi sembra di aver trovato il coraggio di fare un passo avanti mi blocco dalla paura e torno più indietro di prima, semplicemente non concepisco l'idea che qualcuno possa volermi bene, e ti capisco benissimo quando parli delle scuse e del fatto che ti sei lasciata sfuggire un'occasione, anch'io ci rimugino sempre, a volte ho talmente timore di affrontare le mie emozioni che lascio stare...
    Ma sai, secondo me non devi assolutamente sentirti in colpa o altro, hai fatto bene a non illudere quel ragazzo se non ti sentivi di buttarti in qualcosa di più, è meglio essere sinceri che illudere!
    Penso che il punto fondamentale sia il fatto che non riuscendo ad amare prima di tutto noi stesse è molto difficile amare di conseguenza qualcun altro! E io sono sicura che c'è cosi tanto bello in te, sei solo tu a non vederlo ma ti assicuro che gli altri ti guardano con occhi diversi e riescono a vedere che meriti di essere amata!
    Ti assicuro che quando riuscirai ad essere più indulgente con te stessa ti aprirsi anche con gli altri, non c'è un tempo preciso non sentirti in colpa se non ci riesci adesso, quando meno te l'aspetti magari ti sorprenderai e non è detto che tu debba per forza sentire quella sensazione di cui tutti parlano, forse tu lo vivi in modo unico e diverso!
    Come sempre mi è piaciuto tantissimo l'effetto perché ho rivisto me stessa...
    Ti stringo forte <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sincerità è uno dei miei pochi pregi effettivamente..!
      Per il tempo Sò bene che non C è un momento preciso, eppure mi sembra che sia tremendamente tardi... Mi sembra che tutto ormai sia senza speranze e irrealizzabile....

      Ti ringrazio immensamente per il commento. Non sai quanto mi gratifica! Grazie grazie, grazie!
      Un abbraccio.. A presto.

      Elimina
  10. Ero convinto di aver aggiunto il tuo blog alla lista dei blog da seguire ed il fatto che non mi arrivassero aggiornamenti mi preoccupava un po'.
    Oggi (ora) mi sono accorto che semplicemente non apparivi nella lista dei blog che volevo seguire.

    Perché?

    I misteri della rete.

    Ho letto con attenzione questo tuo post e posso dire (un po' per esperienza, un po' per considerazioni personali) che è tutta una questione di tempo e casualità. Non si sceglie di amare o di lasciarsi andare.
    Capita e basta.

    "Primavera non bussa, lei entra sicura, come il fumo le penetra in ogni fessura"
    avrebbe detto "qualcuno" fino ad una decina di anni fa.

    L'Amore non si cerca, e non si trova: è lui a trovare noi quando meno ce lo aspettiamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è proprio sbagliato continuare ad aspettarlo? Forse pensarci troppo e desiderarlo ardentemente è controproducente?

      Ti ringrazio per tutto, di seguirmi, del consiglio, della meravigliosa citazione. Sei molto interessante come persona, i tuoi post mi sorprendono sempre, anche se effettivamente semplici.

      Elimina
  11. Chissà per quale coincidenza, entrambe abbiamo dedicato un posto all''amore'. Strano, vero? Mi ci ritrovo in molte delle tue considerazioni ed avendo tu letto il mio, di post, saprai che anche io ho all'incirca gli stessi problemi. Non ho una bacchetta magica, soprattutto per un argomento così complicato ed 'astratto' come l'amore. Però ti sono vicina, come sempre, perchè siamo abbastanza simili nelle nostre considerazioni e so cosa significa tutto quello che hai scritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, simili veramente... E mi dispiace che tu possa somigliare a me in tutta questa marea di sensazioni, di insicurezze, di difficoltà.
      Ti abbraccio. Grazie davvero.

      Elimina
  12. Prima o poi amerai anche tu e sarai riamata. Prima però devi amare di più te stessa, badare maggiormente al tuo io, alle tue emozioni, a quello che il tuo corpo ti chiede. Solo allora avrai la mente sgombra per accogliere un altro/a, per farti travolgere da nuove emozioni. Io ti auguro che ciò avvenga il prima possibile. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so Dama, hai ragionissima, ma a volte sbaglio pensando che se nessuno mi ama un motivo c è: quello che faccio tremendamente schifo e non me lo merito.
      Sbaglio, ripeto.
      Ti ringrazio davvero per le tue parole.... Ti abbraccio cara.

      Elimina
  13. Ciao Ilaria :)
    Secondo me hai commesso un errore, se posso permettermi.
    Io non credo molto alla frase da pubblicità "per piacere devi piacere" o quella ancora più stupida "per amare un altro devi amare te stessa". A me quelle frasi sembrano tanto da scuola media, perché FORTUNATAMENTE è molto, infinitamente piu complesso di così.
    Perché quando ami devi lasciare il tuo ego smisurato da parte, quando ami impari ad ascoltare, a rispettare, a comprendere, ad accompagnare; quando ami c'è poco da "buttarsi a capofitto", secondo me, ed il coraggio viene da sé. L'amore è per tutti, anche per gli stronzi e gli egoisti, figuriamoci per i vigliacchi (io mi sento chiamata in causa, non ti sto dando della vigliacca <3). Nessuno pensa di potercela fare. L'amore è qualcosa che si costruisce e si impara, è accudire un altro quando non sei nemmeno in grado di regalare un cioccolatino a te stessa.
    L'amore non è da idealizzare, ma nemmeno da sottovalutare. Perché non c'è niente di più bello di crescere con un altro essere umano e di scoprire che non si è soli al mondo.
    per carità, siamo nati soli e grazie al cielo moriremo soli e vivremo soli ( e per soli intendo con i NOSTRI pensieri e la nostra mente e i nostri errori), ma ritengo che sia indispensabile che due solitudini si incontrino, si scambino, si regalino qualcosa.
    Una persona che ti ama si interessa di te: immagina avere qualcuno profondamente interessato a te, che non si annoia ad ascoltarti ma anzi, che non vede proprio l'ora di sentire le tue lagne o amare quel corpo che tu disprezzi.
    Sei innamorata dell'amore,come naturalmente tutti lo sono.
    Non avere fretta: nessuno ti impedisce di cercare, ma non disperare.
    E ti dirò: sostanzialmente è inutile che tu ti chieda tutte quelle cose, che tu cerchi di immaginare quale matto potrebbe mai trovarti attraente o come farai a gettarti ad occhi chiusi nelle braccia do un'altra anima sola quanto te. È inutile perché tanto è imprevedibile. È talmente vasto, talmente complesso che puoi stare sicura: capiterà anche a te.
    ti abbraccio forte forte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento è stato particolarissimo, bello e tremendamente vero.
      Amo la tua frase "ritengo sia indispensabile che due solitudini si incontrino, si scambino, si regalino qualcosa". Mi ha fatto sorridere, non so bene perché però sono stata contenta appena l ho letta.
      So quanto sia inutile rimuginarsi sopra, farsi problemi che si perdono nell'aria... Eppure c è una estrema convinzione in me, ormai radicata, sul non meritare Amore.
      Provo a cambiare direzione nel guardare il mondo, provo eh.

      Ti abbraccio pure io.
      GRAZIE.

      Elimina
  14. Perché sentirti in colpa?

    L'amore è come la catenina che hai perso chissà dove e la ritrovi quando ormai non ti serve più... ma sa anche essere una bella sorpresa, quand'è veramente speciale. E quando ami davvero non ti importa quasi che l'altro ricambi, vuoi soltanto la sua felicità. Dovrebbe essere così, l'amore vero e incondizionato, senza egoismo...

    Un bacio e prenditi cura di te! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giorno prendo cura di me stessa, l' altro mi graffio, mi logoro mentalmente... ! Ma ci provo Lola,
      Il mio sentirmi in colpa deriva da una convinzione, ossia quella di non meritare di essere amata
      Grazie per il tuo commento. Mi fa sempre un enorme piacere.
      Un abbraccio

      Elimina
  15. Ilaria,cazzo;fammelo dire,rispondere ai tuoi post è sempre un problema per me,Vorrei dirti un monte di cose,lo spazio tremendamente poco e dovrei quindi riuscire a spiegarmi in pochi frasi.
    Primo Razionalizza meno e vivi di più.
    Secondo non puoi incolparti di non amare qualcuno.
    Terzo sotto certi versi mi assomigli sul lato amore quindi ho poco da chiacchierare.
    Posso dirti l'amore non è razionalità,l'amore arriva se siamo disposti ad amare,le avventure non esistono,e per quanto sia banale scriverlo se non ami te stessa in primis non credo avrai molto da amare qualcun altro, è la legge universale.
    Un tempo ho capito una cosa del mio caos interiore, che ho sognato per anni qualcuno che bussasse alla mia porta in piena notte per dirmi che mi amava poi ho compreso che in realtà ero io ad avere bisogno di bussare alla porta di qualcuno per dirgli che lo amavo,ecco perché mi sembrava sempre di non amare mai nessuno abbastanza,volevo amore ma non pensavo di darlo,volevo amore che riempisse le mie mancanza verso me stessa. Ilaria non guardare molto le coppie in giro,l'amore l'ho scoperto anch'io qualche anno fa non è quello che si vede in giro ma qualcosa di ben più profondo,alla pari, una lunga consolidata amicizia il cui il sesso fa parte della parte ludica ma non determina l'essere innamorati o meglio di sentire ,provare un forte e speciale legame con una persona,L'amore non è il batticuore, non è una cosa del tipo senza di muoio anzi senza di te sto benissimo ma il nostro legame ci unisce anche se siamo ai due poli opposti.
    Un abbraccio e non mollare.

    RispondiElimina
  16. Una mattina ti svegli, ti fai una doccia, ti metti la solita crema e ti fai carina e profumata. Guardi il cellulare distrattamente, leggi un buongiorno e lì, Ami. Amerai inaspettatamente e amerai con una forza che non sapevi nemmeno di avere. E sará strano e sarai curiosa di ogni sfumatura. E sarà tuo, solo tuo. Per un mese un anno o per la vita. Diverso da ogni altro amore.

    RispondiElimina